Le uniche due persone che ritengono Trump responsabile non sono uomini

Le uniche due persone che ritengono Trump responsabile non sono uomini

Illustrazione fotografica di Thomas Levinson/The Daily Beast/Getty/11Alive

Nonostante le continue accuse di frode e ostruzione alla giustizia contro Donald Trump, in qualche modo ci sono ancora solo due persone che continuano a chiamare fuori l’ex presidente e nessuno dei due è un uomo.

Secondo la conduttrice Molly Jong-Fast nel suo ultimo episodio apparso in un podcast politico Il nuovo anormale, quelle persone sono il procuratore generale dello stato di New York Letitia “Tish” James e il procuratore distrettuale della contea di Fulton, Georgia, Fani Willis.

“Sono le uniche persone che lo stanno facendo perché tutti gli altri sono troppo fottuti codardi”, ha detto Jong-Fast al co-conduttore Andy Levy.

“È solo interessante per me. Abbiamo così tante persone in Trumpworld in cui Trump ha fatto cose e sono stati tipo: ‘Bene, lasciamo andare. È ricco, è bianco. Ha una parrucca impiantata. La gente lo ama. Non vogliamo turbare le persone.’

“Le due persone che lo ritengono responsabile sono donne nere. Penso solo che valga la pena pensarci”.

Questa settimana, James ha annunciato che l’ufficio del procuratore generale dello stato di New York ha citato in giudizio Trump, tre dei suoi figli adulti e la loro società immobiliare di famiglia dopo un’indagine di tre anni su ciò che gli investigatori hanno ritenuto dilagante negli affari e nella frode fiscale.

“Quello che ho pensato fosse fantastico è che Tish James ha questo caso molto organizzato che ha organizzato”, dice Jong-Fast. “E in questo caso, c’è un vero caso per un procedimento penale.”

“Tish James ha sostenuto il caso. E se [Manhattan DA] Alvin Bragg non persegue, è davvero perché fa schifo profondamente o è compromesso”.

Iscriviti a The New Abnormal su Podcast di Apple, Spotify, Podcast di Google, Cucitrice, Amazon Musicao Nuvoloso.

Sempre nel podcast, Matt Fuller, redattore politico senior di The Daily Beast, spiega come i Democratici abbiano qualcosa per spingere gli elettori alle urne: l’aborto.

“Questo è il grande fattore di animazione per i Democratici”, dice Fuller.

“A medio termine scommetti sul fatto che i tuoi elettori escano e le persone che non sono così eccitate, elettori a basso coinvolgimento, che non si presentino. L’aborto forse era solo un ponte troppo lontano per i repubblicani, dove finalmente ci sono molte donne che sono davvero incazzate per questa sentenza e sentono che qualcosa deve essere fatto qui. E ora i Democratici hanno qualcosa per spingere gli elettori alle urne”.

“Penso che il grande errore di calcolo per i repubblicani sia stato l’aborto. Questo è un vero fattore di animazione per i Democratici e potrebbe far pendere la bilancia in un certo numero di stati in cui finalmente hanno qualcosa che porterà le persone alle urne”.

Come Mike Lindell è stato inscatolato all’Hardee’s Drive-Thru

Poi, Asawin Suebsaeng, giornalista politico senior presso Rolling Stonerivela come il rapporto tra il “consigliere spirituale delle stelle” Jacob Shmuel “Shmuley” Boteach, alias Rabbi Schmuley, e il dottor Mehmet Oz si sia inasprito negli ultimi mesi.

“Il motivo per cui la relazione è importante è perché questo famoso rabbino e questo famoso conduttore televisivo e medico sono stati amici per molto tempo, anni fa”, dice Suebsaeng. “Questo è qualcuno che all’inizio della campagna del dottor Oz per questo seggio al Senato lodava in modo espansivo Oz, dicendo che è uno dei medici più famosi o più importanti d’America.

“Come ora sappiamo tramite messaggi di testo privati ​​ed e-mail ottenute da Rolling Stone man mano che quei mesi si trascinavano, il rabbino Shmuley inviava abbastanza regolarmente e-mail o messaggi di testo direttamente al dottor Oz e/o al suo staff senior della campagna per rimproverarli di quanto fosse gravemente deluso da come era andata a finire questa campagna. Li avrebbe assolutamente spazzati via per quello che ha fatto la campagna del dottor Oz in termini di vergogna e presa in giro di John Fetterman per aver avuto un ictus.

“C’erano solo tutta una serie di problemi in cui avrebbe continuamente spazzato via il suo caro e personale amico, il dottor Oz, per aver condotto una campagna grottesca e vergognosa”.

“È stato molto enfatico nel dire che la candidatura del dottor Oz così com’è attualmente, nella sua forma attuale, è una tragedia, non solo per il popolo ebraico, ma anche per il popolo americano in generale”.

Ascolta The New Abnormal su Podcast di Apple, Spotify, Amazon e Cucitrice.

Leggi di più su The Daily Beast.

Ricevi i più grandi scoop e scandali di Daily Beast direttamente nella tua casella di posta. Iscriviti ora.

Rimani informato e ottieni l’accesso illimitato agli impareggiabili reportage di Daily Beast. Iscriviti ora.