Lo sfidante di DeSantis si radunerà con Biden, ma il candidato al Senato no

Lo sfidante di DeSantis si radunerà con Biden, ma il candidato al Senato no

MIAMI — Il presidente Joe Biden verrà in Florida la prossima settimana per fare una campagna con Charlie Crist mentre cerca di spodestare il governatore Ron DeSantis in uno stato campo di battaglia che è diventato sempre più una roccaforte repubblicana.

Ma la candidata al Senato Democratico Val Demings non sarà lì martedì per incontrare il presidente nella sua città natale, Orlando.

La posizione divergente dei due candidati dice tanto sulle rispettive campagne quanto sull’approccio o evitare il conflitto dei Democratici con il presidente, i cui indici di approvazione rimangono sott’acqua mentre riguadagna comunque la sua popolarità e inizia a colpire la campagna elettorale in finale settimane che precedono le elezioni di medio termine dell’8 novembre.

I candidati democratici in tutto il paese sono andati in punta di piedi o hanno abbracciato Biden, a seconda delle loro razze. Per mesi, ci sono stati evidenti segni di tensione tra la Casa Bianca e i democratici sul campo di battaglia: Biden ha cercato di strombazzare le sue vittorie legislative, ma i democratici in gare serrate lo stavano ancora superando nei sondaggi e hanno minimizzato le loro apparizioni con il presidente o lo hanno evitato del tutto.

In Florida, Crist ha tra le mani una gara più dura di Demings. Segue DeSantis con un margine più ampio rispetto a Demings nel suo incontro contro il senatore Marco Rubio, secondo i recenti sondaggi. Demings ha anche più soldi della campagna elettorale di Rubio, mentre Crist sta affrontando un incumbent con $ 120 milioni in mano, un record per qualsiasi razza in tutto lo stato del paese.

Date le dimensioni dello stato e dei suoi 10 costosi mercati dei media, Crist ha bisogno che Biden ottenga almeno un’esposizione mediatica gratuita, ha affermato Steve Vancore, un sondaggista democratico della Florida.

“Val Demings non ha bisogno dei soldi e dell’attenzione di Charlie Crist. Quindi, quindi, potrebbe guardare i sondaggi e dire: ‘Ho bisogno di avere elettori incrociati e Joe Biden è sott’acqua'”, ha detto Vancore.

Un sondaggio della Suffolk University, condotto per USA Today e pubblicato mercoledì, ha chiarito le differenze tra i due democratici della Florida. Demings era dietro Rubio di 4 punti percentuali, Crist era dietro DeSantis di 7 punti (con il margine di errore per entrambi a poco più di 4 punti percentuali) e gli indici di approvazione di Biden erano capovolti: il 40% degli elettori della Florida nel complesso aveva opinioni favorevoli del presidente, contro il 54% che aveva opinioni sfavorevoli.

Ma c’era un netto divario tra gli elettori indecisi: solo il 16% percepiva Biden favorevolmente, rispetto al 58% che aveva opinioni sfavorevoli, ha affermato David Paleologos, sondaggista di Suffolk.

“Il calcolo per Crist è ‘Sono sotto di 7 punti; Devo vincere una scala interna qui in questo gioco di poker,’ e forse se i numeri di Biden continuano a salire – e stanno aumentando – sarà una mossa saggia in questa istantanea in questo momento”, ha detto Paleologos. “Ma è un rischio ha bisogno di prendere per ottenere l’attenzione dei media che ottiene.

Il sondaggio di Suffolk ha anche mostrato DeSantis con indici di approvazione più alti di Biden e ha superato l’ex presidente Donald Trump in un ipotetico matchup in Florida.

Trump ha vinto la Florida di circa 3 punti percentuali alle elezioni presidenziali del 2020.

In una dichiarazione a NBC News, Crist ha dichiarato: “La Florida è in prima linea nella lotta per proteggere le libertà delle donne e preservare la nostra democrazia. Il presidente Biden lo sa, motivo per cui viene e sono orgoglioso di accoglierlo”.

NBC News ha chiesto un commento alla Casa Bianca.

Crist ha recentemente rassegnato le dimissioni dal suo seggio al Congresso per fare campagna a tempo pieno.

Demings, che ha mantenuto il suo seggio alla Camera, ha reso il suo lavoro a Capitol Hill un segno distintivo della sua campagna, e ha detto che sarà nella capitale della nazione martedì, anche se la Camera non sta conducendo alcun affare ufficiale quel giorno.

Anche se i numeri dei sondaggi di Biden stanno aumentando, è ancora in territorio negativo, il che rende l’entusiasmo di Crist per una visita di Biden ancora più una rarità.

Prima che Josh Shapiro, il candidato democratico per il governatore della Pennsylvania, apparisse con Biden a un evento alla fine del mese scorso, la sua campagna ha chiarito che sarebbe stato “nella sua veste ufficiale” come procuratore generale dello stato. E il candidato al Senato della Pennsylvania John Fetterman, il luogotenente governatore, ha inizialmente preso le distanze da Biden a un evento del Pittsburgh Labor Day prima di posare per le foto con il presidente.

Nel frattempo, i democratici come la senatrice Catherine Cortez Masto del Nevada e il candidato al Senato dell’Ohio Tim Ryan hanno cercato di distinguersi da Biden. Entrambi hanno fatto esplodere la sua mossa per perdonare i prestiti studenteschi sostenuti dal governo federale, dicendo che non ha fatto nulla per aiutare i residenti della classe operaia che non sono andati al college e che non è riuscito ad affrontare il problema alla radice dell’accessibilità economica per l’istruzione superiore.

La dinamica della Florida si è esibita di recente anche in Wisconsin, dove Biden ha dato il via al senatore repubblicano Ron Johnson. Ma l’avversario democratico di Johnson, il tenente governatore Mandela Barnes, non era lì per sentirlo. Invece, il governatore democratico Tony Evers, che è in una corsa serrata con il repubblicano Tim Michels, è apparso nella formazione del Labor Day parlando con il presidente, ma solo dopo un precedente frastuono in cui l’ufficio del governatore avrebbe chiuso una richiesta della Casa Bianca per un apparizione congiunta a luglio.

Crist ha anche avuto esperienza nell’evitare i presidenti.

Nel 2006, quando era il procuratore generale repubblicano in corsa per il seggio più alto dello stato, Crist evitò l’impopolare leader del suo partito all’epoca, il presidente George W. Bush. Crist ha vinto facilmente. Nel 2014, Crist si è candidato alla carica di governatore come democratico in un tentativo di rimonta, ma ha deciso di non tenere una manifestazione con il presidente Barack Obama. Crist ha perso per un soffio quelle elezioni.

“Ha imparato la lezione”, ha detto un ex consigliere, che non voleva parlare a verbale per rivelare conversazioni private. “Il fatto è che Charlie sa che non può superare il presidente, non dovrebbe superare il presidente, e sta conducendo una campagna come ha fatto Biden per riportare la decenza al governo contro i repubblicani radicali come DeSantis”.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su NBCNews.com