L’acrobazia Martha’s Vineyard di Ron DeSantis offre ai repubblicani la lotta di medio termine che bramano e si concentra su Trump 2024 e sui diritti di aborto, affermano gli agenti del GOP

L'acrobazia Martha's Vineyard di Ron DeSantis offre ai repubblicani la lotta di medio termine che bramano e si concentra su Trump 2024 e sui diritti di aborto, affermano gli agenti del GOP

Il governatore della Florida Ron DeSantis parla ai sostenitori durante una tappa della campagna del Keep Florida Free Tour al Horsepower Ranch di Ginevra. DeSantis affronta l’ex governatore della Florida Charlie Crist per le elezioni generali per il governatore della Florida a novembre.Paul Hennessy/SOPA Images/LightRocket tramite Getty Images

  • I sondaggi mostrano che gli elettori si fidano più dei repubblicani che dei democratici sull’immigrazione e sulla sicurezza delle frontiere.

  • L’acrobazia politica di DeSantis in Martha’s Vineyard ha portato i problemi alle notizie in prima pagina prima del midterm.

  • I repubblicani accolgono favorevolmente il cambio di argomento dall’aborto e Trump.

Quando il governatore della Florida Ron DeSantis ha orchestrato voli per inviare migranti e richiedenti asilo da San Antonio, in Texas, a Martha’s Vineyard, nel Massachusetts, molti osservatori hanno visto un’acrobazia mirata ad aumentare il profilo politico del repubblicano in vista di una potenziale corsa alla Casa Bianca del 2024.

Ma secondo gli agenti del GOP, la mossa ha anche dato ai repubblicani in corsa per il Congresso l’opportunità di intervenire sull’immigrazione illegale e sulla sicurezza delle frontiere, argomenti che hanno chiesto a gran voce di mettere al centro delle elezioni di medio termine di questo autunno.

Il tempismo di DeSantis è l’ideale per i repubblicani e consente al governatore di continuare a presentarsi come un leader nazionale del GOP che altri nel partito seguiranno.

Da agosto, i Democratici si sono sentiti più ottimisti riguardo alle loro imminenti possibilità nel midterm di novembre grazie alle vittorie legislative al Congresso, alla diminuzione dei prezzi del gas e alla minaccia di una spinta del GOP per un divieto di aborto a livello nazionale.

Sono stati anche in grado di mantenere i riflettori sull’ex presidente Donald Trump, che ha ripetutamente preso in giro una corsa alla Casa Bianca nel 2024, è oggetto di un’indagine dell’FBI su documenti riservati e deve affrontare una causa per frode da 250 milioni di dollari.

La scorsa settimana, tuttavia, DeSantis ha dato una svolta alla conversazione politica prendendo una pagina dal playbook della campagna di Trump del 2016. I voli che trasportavano migranti hanno iniettato l’immigrazione nella discussione nazionale, costringendo la Casa Bianca a rispondere.

Mentre le azioni di DeSantis devono affrontare una sfida legale e sono state viste dai critici come un’acrobazia crudele che ha fuorviato le persone vulnerabili, i repubblicani del Congresso hanno accolto apertamente il fatto che DeSantis avesse evidenziato il problema.

I repubblicani preferirebbero mantenere gli elettori concentrati sulle questioni in cui votano bene, comprese le questioni economiche, la criminalità, l’immigrazione e la sicurezza delle frontiere.

“I democratici stanno cercando disperatamente di fare dell’aborto, di Trump e del 2024 il problema”, ha detto a Insider Saul Anuzis, managing partner di Coast to Coast Strategies, LLC, una società di consulenza politica. “La sfida è che gli altri problemi sono reali e colpiscono la gente ogni giorno”.

“Il voto è dalla parte dei repubblicani”, ha aggiunto Anuzis. “Devono solo rimanere sul messaggio e non distrarsi”.

I repubblicani sapevano già di avere un vantaggio su queste questioni anche prima della controversia su Martha’s Vineyard. Da marzo 2021, il National Republican Congressional Committee, che lavora per eleggere i repubblicani nelle gare alla Camera degli Stati Uniti, ha inviato ai giornalisti 357 e-mail sulla “crisi del confine di Biden”.

Ma i voli di Martha’s Vineyard di DeSantis hanno portato rinnovato interesse alla questione, ha detto un repubblicano che ha familiarità con le razze House che ha chiesto di non essere nominato per parlare candidamente.

“Ha portato molta attenzione sulla crisi del confine che era andata persa”, ha detto la persona.

Per finire, i repubblicani stanno osservando da vicino le tendenze che mostrano che i democratici stanno assistendo a un calo del sostegno degli elettori ispanici.

Detto questo, non c’è davvero alcun aspetto negativo nel fatto che DeSantis metta in discussione l’immigrazione, ha detto a Insider l’ex capo dello staff della Casa Bianca di Trump Mick Mulvaney in una e-mail.

“Le persone che pensano che la nostra politica di confine sia un disastro sostengono ciò che ha fatto – e tutti gli stati dovrebbero, in effetti, sopportare il peso maggiore dell’attuale politica sull’immigrazione”, ha detto Mulvaney.

“Le persone a cui piace la politica odiano comunque DeSantis”, ha aggiunto.

Ma c’è stata una notevole eccezione tra i repubblicani di spicco. Il genero di Trump ed ex consigliere della Casa Bianca, Jared Kushner, ha criticato la mossa di DeSantis questa settimana, dicendo a Fox News di essere “molto turbato” dal fatto che “gli esseri umani” vengano “usati come pedine politiche”.

Le osservazioni di Kushner potrebbero offrire ulteriori prove del fatto che Trump vede l’acrobazia che attira l’attenzione di DeSantis come una minaccia alla sua potenziale candidatura per la rielezione del 2024.

La residente locale Rosemarie Aguero distribuisce pizze a un gruppo di migranti venezuelani dal retro del suo camioncino di fronte al Migrant Resource Center il 19 settembre 2022 a San Antonio, in Texas.  Il Centro risorse per i migranti della città di San Antonio è il luogo di origine di due carichi di aerei di migranti per lo più venezuelani che sono stati inviati attraverso la Florida a Marthas Vineyard dal governatore della Florida Ron Desantis.

La residente locale Rosemarie Aguero distribuisce pizze a un gruppo di migranti venezuelani dal retro del suo camioncino di fronte al Migrant Resource Center il 19 settembre 2022 a San Antonio, in Texas. Il Centro risorse per i migranti della città di San Antonio è il luogo di origine di due carichi di aerei di migranti per lo più venezuelani che sono stati inviati attraverso la Florida a Martha’s Vineyard dal governatore della Florida Ron DeSantis.Jordan Vonderhaar/Getty Images

I repubblicani giocano sulla questione dell’immigrazione illegale

I repubblicani del Congresso hanno accolto con favore il passaggio del discorso nazionale all’immigrazione e alla sicurezza delle frontiere. Gli argomenti potrebbero rimanere nei titoli dei giornali per settimane se DeSantis seguisse i commenti che ha fatto pubblicamente sull’invio di migranti nello stato natale del presidente Joe Biden, il Delaware.

Le azioni del governatore hanno permesso ai repubblicani di evidenziare che 2 milioni di persone sono state sorprese ad entrare illegalmente negli Stati Uniti in questo anno fiscale. I repubblicani hanno anche criticato i commenti della vicepresidente Kamala Harris in un’intervista dell’11 settembre alla NBC Meet the Press, in cui ha affermato che il confine era “sicuro”.

L’ex segretario stampa della Casa Bianca Sean Spicer, che ha lavorato sotto Trump, ha detto di aver incoraggiato i repubblicani al Congresso ad andare al confine in modo che ricevesse una maggiore copertura mediatica. Ma DeSantis e il governatore del GOP Greg Abbott delle azioni di spostamento dei migranti del Texas “hanno funzionato” per attirare finalmente l’attenzione sulla questione, ha affermato.

“Nessuno tratterebbe questo problema finché non lo fa”, ha detto di DeSantis Sean Spicer, che ora ospita il talk show politico di Spicer & Co. su Newsmax. “Nel mio show, lo copriamo quasi ogni notte.”

I repubblicani al Congresso hanno spinto ulteriormente la questione.

Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha affermato di essere d’accordo con le azioni di DeSantis e ha usato il suo discorso di parola per far esplodere i democratici sull’immigrazione illegale. Il Comitato Senatoriale Nazionale Repubblicano questa settimana ha legato le apprensioni record al confine con le politiche di Biden e del senatore Mark Kelly dell’Arizona, un democratico che stanno cercando di spodestare a novembre.

Anche i repubblicani come il senatore Marco Rubio della Florida stanno ritirando le accuse ipocrisia. Hanno accusato le città liberali di sostenere politiche di immigrazione permissive pur non affrontando le stesse lotte umanitarie e di sicurezza nazionale delle città di confine, che forniscono aiuti a migliaia di migranti che arrivano mensilmente.

Hanno indicato i commenti di funzionari democratici che hanno affermato che le città sono sopraffatte dopo che Abbott e il governatore dell’Arizona Doug Ducey hanno trasportato i migranti in autobus a New York e Washington, DC.

“Per così tante persone a sinistra, le città santuario e l’accoglienza degli immigrati illegali sono un adesivo per paraurti”, ha detto Spicer. “Non hanno idea della realtà”.

Il partito accusa spesso Biden di non fare abbastanza per aiutare. La segretaria stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha risposto che se i governatori “hanno veramente a cuore la sicurezza delle frontiere” avrebbero dovuto incoraggiare i senatori del GOP a votare a favore della richiesta di Biden di finanziamenti per la sicurezza interna.

DeSantis ha pubblicamente esortato Biden a ripristinare una politica dell’era Trump che costringesse i richiedenti asilo ad aspettare in Messico mentre i loro casi sono pendenti e ha detto ai repubblicani di correre sull’immigrazione durante una manifestazione in Wisconsin domenica.

Questo sembra essere il piano. L’agenda del GOP del leader della minoranza della Camera, Kevin McCarthy, pubblicata mercoledì, chiamata “Impegno per l’America”, ha proposto misure di immigrazione più rigorose, incluso l’obbligo di mostrare la residenza legale per poter lavorare.

La rappresentante Elise Stefanik, presidente della Conferenza repubblicana della Camera, ha tenuto una conferenza stampa lunedì evidenziando un sondaggio di NBC News che includeva risultati sugli elettori gravitanti verso i repubblicani sul tema dell’immigrazione e della sicurezza delle frontiere.

DeSantis è candidato alla rielezione in Florida e non è ancora chiaro quale effetto avranno le sue azioni di Martha’s Vineyard sulla sua campagna. Mercoledì, lo sfidante del governatore democratico Charlie Crist ha accusato DeSantis di cercare di “distogliere l’attenzione” dal divieto di aborto di 15 settimane in Florida, che non include esenzioni per stupro o incesto.

“La sua disumanità è ora paragonabile alla sua disumanità e mancanza di rispetto per le donne”, ha detto Crist.

Per quanto riguarda il futuro della Casa Bianca, è improbabile che la causa contro il traffico di migranti di DeSantis possa causare danni permanenti al partito o alle sospette ambizioni presidenziali di DeSantis perché il 2024 è ancora molto lontano, ha previsto Jeff Grappone, uno stratega del GOP presso la società di consulenza politica Rokk Soluzioni.

“Non siamo ancora al cancello di apertura della gara del 2024”, ha detto Grappone a Insider. “Quando l’universo dei candidati sarà noto, avremo un’idea migliore di come particolari problemi avranno un impatto sulle fortune repubblicane nel 2024”.

Leggi l’articolo originale su Business Insider