Il supporto di Trump rimane impassibile da indagini e sondaggi

Il supporto di Trump rimane impassibile da indagini e sondaggi

Le opinioni dell’opinione pubblica americana sull’ex presidente Donald Trump sono rimaste notevolmente stabili su una serie di misure diverse negli ultimi mesi, anche se deve affrontare molteplici indagini e rimane una figura centrale nelle elezioni di medio termine, secondo il più recente New York Times/ Sondaggio Collegio Siena.

Gli elettori avevano opinioni quasi identiche a quelle dell’inizio dell’estate, sul fatto che avessero una visione favorevole di Trump, se pensassero che avesse commesso gravi crimini federali e chi avrebbero sostenuto in un ipotetico incontro Trump-Biden del 2024,

Iscriviti alla newsletter The Morning del New York Times

Complessivamente, il 44% degli elettori ha visto Trump favorevolmente e il 53% lo ha visto sfavorevolmente. Il recente sondaggio è stato messo in campo all’inizio di questo mese, dopo la notizia dell’indagine del Dipartimento di Giustizia sulla gestione di documenti riservati da parte di Trump, ma prima che il procuratore generale di New York annunciasse che avrebbe citato in giudizio Trump e la sua azienda di famiglia.

Quel livello di sostegno a Trump è stato effettivamente invariato dall’ultimo sondaggio Times/Siena, che è stato messo in campo a luglio durante le audizioni televisive della commissione della Camera che indagava sull’assalto al Campidoglio del 6 gennaio. Era anche fondamentalmente simile ai livelli di supporto dei sondaggi Times/Siena e di altri sondaggi trovati negli ultimi anni.

Anche l’opinione pubblica sulla lotta di Trump contro i risultati elettorali è rimasta sostanzialmente invariata, con il 54% nel sondaggio più recente che afferma che le sue azioni rappresentano una minaccia per la democrazia e il 38% che afferma di aver appena esercitato il suo diritto di contestare le elezioni.

E circa la metà degli elettori ha affermato di ritenere che Trump avesse commesso gravi crimini federali, mentre il 38% pensava di no. Era simile alle risposte di luglio, quando agli intervistati è stato chiesto in modo più specifico le azioni di Trump all’indomani delle elezioni del 2020.

Trump si è spesso vantato della lealtà dei suoi sostenitori. Quella lealtà è stata a lungo chiara nei suoi indici di favore, che sono rimasti stabili per tutto il suo periodo in carica, anche durante i momenti di picco delle turbolenze, come il suo primo processo di impeachment. I suoi indici di approvazione sono aumentati brevemente quando il COVID-19 ha iniziato a diffondersi negli Stati Uniti nella primavera del 2020, ma a maggio il suo sostegno era tornato ai livelli precedenti.

Secondo il sondaggio di settembre, molte delle proposte politiche distintive di Trump sono rimaste abbastanza popolari tra il pubblico. La metà di tutti gli intervistati è favorevole a un muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, compreso più del 15% di coloro che hanno affermato che avrebbero votato per Biden nel 2024. E la maggioranza ha affermato di essere più d’accordo con il Partito Repubblicano che con il Partito Democratico quando è arrivato all’immigrazione clandestina.

Trump ha segnalato un’altra corsa alla presidenza. In un’ipotetica rivincita nel 2024 con il presidente Joe Biden, il 45% ha affermato che avrebbe sostenuto Biden, mentre il 42% ha affermato che avrebbe sostenuto Trump. (Il margine di vittoria di Biden nelle elezioni del 2020 era di 4,4 punti percentuali.)

Nel 2020, Trump ha ottenuto guadagni tra gli elettori ispanici, un gruppo che storicamente ha favorito i democratici. Il recente sondaggio ha rilevato che i repubblicani continuano a mantenere un livello simile di sostegno tra gli elettori ispanici, in particolare i giovani ispanici.

Antonio Chavez, un fattorino di 34 anni di Amarillo, in Texas, ha affermato di aver votato per un mix di democratici e repubblicani nel corso degli anni, ma che probabilmente voterebbe per Trump nel 2024 se si fosse candidato di nuovo.

“Non so molto”, ha detto. “Quando la gara comincerà ad avvicinarsi comincerò a prestare attenzione, ma in questo momento è solo in prima linea per me.

“Ho alcune riserve sul sostenerlo a causa del problema dei documenti, ma mi piace vedere cosa sta succedendo dall’altra parte”.

Ci sono stati segni nel sondaggio che le opinioni su Trump erano più complesse di quanto a volte si creda. In tutte le misure richieste, il 30% degli elettori ha costantemente espresso opinioni che potrebbero essere considerate pro-Trump, come pianificare di sostenerlo se si candidasse nel 2024 e affermare che le sue azioni dopo le elezioni del 2020 erano giustificate. Il 39% degli elettori ha costantemente sostenuto una serie di opinioni che potrebbero essere descritte come anti-Trump.

Tuttavia, quasi il 30% sembrava avere opinioni apparentemente contrastanti su di lui e sulle sue azioni, esprimendo un mix di sentimenti o rifiutandosi di rispondere a una delle domande.

Ad esempio, il 14% degli intervistati ha affermato di aver pianificato di sostenerlo e di ritenere che le sue azioni dopo le elezioni del 2020 fossero arrivate al punto di essere una minaccia per la democrazia.

© 2022 The New York Times Company