Una mamma dell’Idaho dice che sta inserendo nella lista nera Joann Fabrics dopo che un impiegato ora licenziato ha detto a suo figlio di 7 anni che non dovrebbe indossare un vestito

Una mamma dell'Idaho dice che sta inserendo nella lista nera Joann Fabrics dopo che un impiegato ora licenziato ha detto a suo figlio di 7 anni che non dovrebbe indossare un vestito

Piper Phillips.Piper Phillips

  • Piper Phillips ha detto che una lavoratrice di un negozio Joann Fabrics ha detto a suo figlio che i ragazzi non dovrebbero indossare vestiti.

  • Phillips ha detto che suo figlio si è interessato a indossare abiti un anno fa, aggiungendo che lo ha reso felice.

  • Phillips ha realizzato un TikTok virale sull’incidente; Joann Fabrics ha detto che il dipendente è stato licenziato.

Una madre ha detto in un TikTok ora virale che un dipendente di Joann Fabrics ha fatto diversi commenti derisori su suo figlio mentre stavano acquistando dei tessuti per fargli un vestito, spingendo l’azienda a licenziare l’operaio.

Piper Phillips, 37 anni, una sarta da quattro anni che si chiama anche @Palousedressco su TikTok, ha portato suo figlio di 7 anni nel loro negozio Joann Fabrics locale a Mosca, nell’Idaho, il 7 settembre per ritirare i materiali per il suo vestito.

Phillips ha detto che voleva rallegrare suo figlio dopo aver ricevuto una chiamata dal preside della sua scuola dicendo che i bulli lo schernivano per aver indossato un vestito.

Al negozio, Phillips e suo figlio hanno preso un tessuto con motivo Spider-Man. Al bancone, l’impiegato ha chiesto al figlio di Phillip cosa stesse facendo, a cui ha risposto con un vestito da Spider-Man. L’impiegata senza nome ha espresso confusione sul motivo per cui Phillips stava realizzando un vestito per suo figlio.

“Ha appena interrotto quello che stava facendo”, ha ricordato Phillips. “Ha smesso di misurare e ci ha fatto più domande. E ho cercato davvero di fermare la conversazione diverse volte, e lei ha continuato”.

Phillips ha detto che il dipendente ha quindi iniziato a tenere conferenze ai due e ha detto direttamente al figlio di Phillips che i ragazzi non potevano indossare vestiti. La dipendente si è arrabbiata e non ha smesso di fare lezione ai due anche dopo che il capoturno del negozio è venuto a dirle di smetterla, ha detto Phillips.

“Mi vedevo rosso e stavo solo cercando di mantenere la calma”, ha detto, aggiungendo che era “molto consapevole che mio figlio stava guardando e ascoltando e che dovevo modellare il comportamento appropriato, ed è davvero difficile da fare in il momento.”

“Quindi ho solo cercato di mantenere la calma e di parlare senza mezzi termini, e al punto, e di mettere chiaramente un limite”, ha detto. “Le ho detto ‘fermati’ diverse volte.”

Phillips ha detto a Insider che suo figlio si è interessato a indossare un vestito circa un anno fa dopo aver visto “Frozen”.

“Così, gli ho comprato un kit di abbigliamento Elsa, e lui si è messo il vestito, si è girato, ha sorriso così tanto e l’ha adorato così tanto”, ha detto Phillips. “E poi alcuni mesi dopo ha trovato questo tessuto nella mia stanza del cucito che era rosa con delle farfalle sopra, e lui ha detto, ‘Mamma, voglio vestirmi fuori di questo.’ E io ero tipo, ‘OK, sei arrivato nel posto giusto.'”

Una settimana dopo l’incidente, Phillips ha pubblicato su TikTok la sua esperienza nel negozio e ha accumulato oltre 4 milioni di visualizzazioni.

Un rappresentante di Joann Fabrics ha dichiarato a Insider in una dichiarazione che il dipendente è stato licenziato dopo aver fatto le “osservazioni inadeguate, giudicanti e sprezzanti”.

“JOANN è assolutamente sinonimo di inclusività e creatività per tutti e siamo orgogliosi di supportare le nostre migliaia di clienti e membri del team che fanno parte della comunità LGBTQ+”, afferma la dichiarazione. “Non tolleriamo discriminazioni, mancanza di rispetto o molestie in qualsiasi forma e abbiamo licenziato il membro del team immediatamente dopo l’indagine”.

Phillips, che era anche un’ex capoturno in quel negozio di Joann Fabrics, ha detto di aver ricordato di aver lavorato con il dipendente che occasionalmente faceva proselitismo mentre lavorava.

“Sono felice di vedere che non è più lì”, ha detto. “Ma è una riflessione sulla cultura di quel negozio e dell’azienda, su come questo genere di cose sfugge alle crepe e su come è stato in grado di andare avanti così a lungo, in un’azienda presumibilmente inclusiva orientata alla diversità”.

“Mi piacerebbe vedere un po’ di più fatto, penso, prima di tornare indietro”, ha aggiunto.

Phillips ha detto a Insider di aver parlato con suo figlio dopo l’esperienza in negozio e gli ha detto che le persone avrebbero detto cose maleducate, ma lui avrebbe dovuto continuare a essere se stesso ed essere orgoglioso di se stesso. Ha anche offerto consigli ad altri genitori in base alla sua esperienza.

“Direi che tuo figlio imparerà da te come pensare, come sentirsi e come agire, quindi se modelli il comportamento e modelli l’amore, la fiducia e il supporto che vuoi che tuo figlio abbia – ed è come per magia: tuo figlio riceverà quel messaggio”, ha detto Phillips.

Leggi l’articolo originale su Insider