Il procuratore generale di New York fa causa a Donald Trump e alla sua azienda

Il procuratore generale di New York fa causa a Donald Trump e alla sua azienda

NEW YORK (AP) – Mercoledì il procuratore generale di New York ha citato in giudizio l’ex presidente Donald Trump e la sua azienda, accusando frode commerciale che coinvolgeva alcuni dei loro beni più preziosi, comprese le proprietà a Manhattan, Chicago e Washington, DC

La causa del procuratore generale Letitia James, depositata presso il tribunale statale di New York, è il culmine dell’indagine civile triennale dei Democratici su Trump e l’Organizzazione Trump. Anche tre dei figli adulti di Trump, Donald Jr., Ivanka ed Eric Trump, sono stati nominati come imputati, insieme a due dirigenti aziendali di lunga data, Allen Weisselberg e Jeffrey McConney.

La causa cerca di colpire il cuore di ciò che ha reso famoso Trump, mettendo in cattiva luce l’immagine di ricchezza e opulenza che ha abbracciato nel corso della sua carriera, prima come sviluppatore immobiliare, poi come conduttore di reality TV “The Apprentice” e ” Celebrity Apprentice”, e successivamente come presidente.

James, un democratico, ha annunciato i dettagli della causa in una conferenza stampa mercoledì. Il caso è stato presentato in tribunale mercoledì mattina.

James ha detto che Trump “ha falsamente gonfiato il suo patrimonio netto di miliardi di dollari”.

L’obiettivo, ha affermato l’ufficio del procuratore generale, era quello di brunire l’immagine miliardaria di Trump e il valore delle sue proprietà quando così facendo gli dava un vantaggio, mentre in altri momenti sminuiva il valore dei beni a fini fiscali.

“Questa indagine ha rivelato che Donald Trump ha intrapreso anni di condotta illegale per gonfiare il suo patrimonio netto, per ingannare le banche e la gente del grande stato di New York”, ha detto James in conferenza stampa. “Affermando di avere soldi che non hai avere non equivale all’arte dell’affare, è l’arte del rubare.

James sta cercando di rimuovere i Trump dalle aziende coinvolte nella presunta frode e vuole un monitor indipendente nominato per non meno di cinque anni per supervisionare la conformità, i rendiconti finanziari, le valutazioni e le divulgazioni dell’Organizzazione Trump a istituti di credito, assicuratori e autorità fiscali.

Sta cercando di sostituire gli attuali amministratori del trust revocabile di Trump, che controlla i suoi interessi commerciali, con amministratori indipendenti, per impedire a Trump e alla Trump Organization di effettuare acquisizioni immobiliari commerciali per cinque anni, di ottenere prestiti dalle banche di New York per cinque anni e impediscono permanentemente a Trump e a tre dei suoi figli adulti di prestare servizio come funzionario o amministratore in qualsiasi società di New York o entità commerciale simile registrata e/o autorizzata nello Stato di New York.

Cerca inoltre di impedire permanentemente a Weisselberg e McConney di svolgere la funzione di controllo finanziario di qualsiasi società di New York o entità commerciale simile registrata e/o autorizzata nello Stato di New York.

James ha affermato che la sua indagine ha rivelato potenziali violazioni penali, tra cui la falsificazione di documenti aziendali, l’emissione di falsi bilanci, frode assicurativa, cospirazione e frode bancaria. Ha detto che il suo ufficio sta riferendo quei risultati ai pubblici ministeri federali e all’Internal Revenue Service.

Alina Habba, un avvocato di Trump, ha affermato che la causa “non si concentra né sui fatti né sulla legge, piuttosto, si concentra esclusivamente sul portare avanti l’agenda politica del procuratore generale”.

“È del tutto chiaro che l’ufficio del procuratore generale ha superato la sua autorità legale facendo leva su transazioni in cui non si è verificato alcun illecito”, ha affermato Habba. “Siamo fiduciosi che il nostro sistema giudiziario non sosterrà questo abuso di autorità incontrollato e non vediamo l’ora di difendere il nostro cliente da tutte le pretese infondate del procuratore generale”.

La causa di James arriva in mezzo a un turbinio di sfide legali senza precedenti per un ex presidente, inclusa un’indagine dell’FBI sulla gestione di documenti riservati da parte di Trump e indagini sui suoi sforzi per ribaltare le elezioni del 2020.

La Trump Organization sarà processata a ottobre in un procedimento penale in cui si sostiene di aver pianificato di concedere vantaggi non tassati ai dirigenti senior, incluso il suo capo finanziario di lunga data Weisselberg, che da solo ha preso più di 1,7 milioni di dollari in extra.

Weisselberg, 75 anni, si è dichiarato colpevole il 18 agosto. Il suo patteggiamento gli richiede di testimoniare al processo della società prima di iniziare una pena detentiva di cinque mesi. In caso di condanna, la Trump Organization potrebbe incorrere in una multa doppia rispetto alle tasse non pagate.

Il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg ha condotto un’indagine penale parallela sulle stesse pratiche commerciali al centro della causa civile di James. Quell’indagine ha perso slancio all’inizio di quest’anno dopo che Bragg ha sollevato interrogativi internamente sulla fattibilità di un procedimento penale, ma il Democratico ha affermato che non è stato abbandonato.

Allo stesso tempo, l’FBI sta continuando a indagare sulla conservazione da parte di Trump di documenti governativi sensibili nella sua tenuta di Mar-a-Lago in Florida, e un gran giurì speciale in Georgia sta indagando se Trump e altri abbiano tentato di influenzare i funzionari elettorali statali.

Tutto il dramma legale si sta svolgendo in vista delle elezioni di metà mandato di novembre, dove i repubblicani stanno cercando di ottenere il controllo di una o entrambe le camere del Congresso.

Nel frattempo, Trump ha gettato le basi per una potenziale campagna di ritorno alla presidenza nel 2024 e ha accusato l’amministrazione del presidente Joe Biden di prenderlo di mira per ferire le sue possibilità politiche.

La legge statale consente un’ampia gamma di rimedi civili contro le società che commettono frode commerciale, inclusa la revoca delle licenze per svolgere attività commerciali nello stato, la rimozione di funzionari della società e l’imposizione del pagamento della restituzione o della sboccatura di guadagni illeciti.

L’ufficio di James potrebbe anche cercare di vietare a Trump di essere coinvolto in alcuni tipi di attività, come è successo a gennaio quando un giudice ha escluso a vita l’ex CEO di una società farmaceutica Martin Shkreli dall’industria farmaceutica.

In un precedente scontro con Trump, James ha supervisionato la chiusura del suo ente di beneficenza, la Trump Foundation, dopo che il suo predecessore nell’ufficio del procuratore generale, Barbara Underwood, ha intentato una causa sostenendo di aver utilizzato in modo improprio i suoi beni per risolvere controversie commerciali e aumentare la sua corsa per i White Casa. Un giudice ha ordinato a Trump di pagare 2 milioni di dollari a una serie di enti di beneficenza per risolvere la questione.

James, che ha fatto una campagna per la carica di critico e cane da guardia di Trump, ha iniziato a esaminare le sue pratiche commerciali nel marzo 2019 dopo che il suo ex avvocato personale Michael Cohen ha testimoniato al Congresso che Trump ha esagerato la sua ricchezza sui rendiconti finanziari forniti a Deutsche Bank quando stava cercando di ottenere finanziamenti per comprare i Buffalo Bills della NFL.

Da allora, l’ufficio di James e gli avvocati di Trump si sono ripetutamente battuti sulla direzione delle indagini e sulla riluttanza di Trump a rispettare le citazioni in giudizio per la sua testimonianza e i suoi documenti. Trump ha passato mesi a combattere la citazione che ha portato alla sua deposizione di agosto, i suoi avvocati non sono stati in grado di convincere i tribunali che dovrebbe essere esonerato dal testimoniare perché le sue risposte potrebbero essere utilizzate nell’indagine penale di Bragg.

A maggio, Trump ha pagato 110.000 dollari di multa dopo essere stato trattenuto in oltraggio alla corte per essere stato lento a rispondere a una citazione emessa dall’ufficio di James in cerca di documenti e altre prove. La constatazione del disprezzo è stata revocata a giugno dopo che Trump e i suoi avvocati hanno presentato documenti che dimostrano di aver compiuto uno sforzo in buona fede per trovare documenti pertinenti.