Il maestro speciale di Mar-a-Lago vuole risposte da Trump. Spiegata la disputa sui documenti “declassificati”.

 Il maestro speciale di Mar-a-Lago vuole risposte da Trump.  Spiegata la disputa sui documenti

Martedì il maestro speciale nel caso dell’ex presidente Donald Trump sui documenti sequestrati di Mar-a-Lago ha detto ai suoi avvocati di fornire prove che Trump ha declassificato i documenti archiviati lì, o di smettere in altro modo di sostenere l’argomento – in parole povere, la terza parte neutrale ha detto: ” non puoi avere la tua torta e mangiarla”.

Un giudice federale in Florida ha effettivamente sospeso l’indagine penale del Dipartimento di Giustizia sul caso fino a quando il maestro speciale che ha nominato su richiesta di Trump non completa una revisione per informazioni privilegiate. Il Dipartimento di Giustizia ha parzialmente impugnato la sua decisione dicendo che ha urgente bisogno di rivedere i 100 o giù di lì serie di documenti o più di 700 pagine etichettate come classificate.

Ecco cosa devi sapere sul ruolo del maestro speciale e su questo caso:

  • Cosa e chi è il maestro speciale? Un maestro speciale è un arbitro terzo neutrale che in questo caso è incaricato di valutare se uno qualsiasi dei documenti sequestrati dal Dipartimento di Giustizia durante l’esecuzione di un mandato di perquisizione dell’8 agosto su Mar-a-Lago fosse regolato da privilegio esecutivo o avvocato -privilegio cliente. In questo caso si tratta di un giudice federale senior del distretto orientale di New York, Raymond Dearie, che ha passato una vita a gestire casi di alto profilo.

  • Perché si parla di record classificati o declassificati? Gli avvocati di Trump hanno affermato che il presidente ha ampi poteri per declassificare le informazioni, ma in tribunale si sono girati in punta di piedi dicendo se il presidente ha declassificato o meno i documenti. Trump stesso ha ha detto di avere un ordine permanente per “declassificare automaticamente” tutti i documenti che ha portato a casa dallo Studio Ovale.

  • Perché importa se i record vengono declassificati? Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che circa 100 documenti “segreti” e “top secret” sequestrati a Mar-a-Lago appartengono al governo e fanno anche parte di un’indagine penale in corso. Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che il loro rilascio potrebbe causare “danni immediati e gravi al governo e al pubblico”.

I pubblici ministeri federali lasciano il tribunale federale di Brooklyn il 20 settembre 2022 a New York City. Il team legale dell’ex presidente Donald Trump è apparso davanti al giudice Raymond Dearie, il maestro speciale assegnato la scorsa settimana, alla corte federale per discutere i documenti che l’FBI ha ottenuto l’8 agosto 2022, in un’udienza aperta al pubblico.

Casi multipli in corso e complessi

Dopo che l’FBI ha eseguito un mandato di perquisizione approvato dal tribunale sulla casa di Trump a Mar-a-Lago, gli avvocati di Trump hanno intentato una causa presso la corte federale, sostenendo che il governo ha violato i suoi diritti e commesso un eccesso di portata. Quel caso è davanti al giudice distrettuale degli Stati Uniti nominato da Trump Aileen Cannon in Florida.

Un gran giurì a Washington ha anche citato in giudizio gli assistenti e i collaboratori di Trump in un’indagine sull’attacco al Campidoglio il 6 gennaio 2021, per questioni come i falsi elettori e la raccolta fondi di Trump.

Nel caso dei documenti, Cannon ha approvato la richiesta di Trump di un maestro speciale – arrivata settimane dopo la perquisizione stessa – e ha nominato Dearie. Il Dipartimento di Giustizia aveva precedentemente affermato che il proprio “team di filtraggio” aveva esaminato i documenti per valutare se alcuni documenti fossero coperti dal privilegio avvocato-cliente. Il team ha trovato circa 500 pagine di documenti personali o privilegiati.

L’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale sta conducendo la propria revisione del rischio per la sicurezza nazionale di una possibile divulgazione non autorizzata dei registri classificati e di qualsiasi danno che potrebbe essersi verificato, secondo i documenti del tribunale del DOJ.

Quadro generale:Trump ha affermato di aver declassificato i documenti di Mar-a-Lago. Nella sonda del DOJ, potrebbe non avere importanza

Il Dipartimento di Giustizia ha chiesto a Cannon di sospendere parzialmente il suo ordine per impedire agli investigatori di rivedere i record altamente riservati, ma ha respinto la richiesta. Invece, Cannon ha detto al Dipartimento di Giustizia che non poteva rivedere i documenti riservati sequestrati per la sua indagine penale fino a quando la revisione del maestro speciale non fosse stata completata. L’ordinanza mette sostanzialmente in pausa le indagini.

L'onorevole Raymond J. Dearie, giudice distrettuale degli Stati Uniti, tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York

L’onorevole Raymond J. Dearie, giudice distrettuale degli Stati Uniti, tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale di New York

Dearie ha stimato che ci vorrà fino al 30 novembre per completare la sua recensione.

Il Dipartimento di Giustizia ha parzialmente appellato l’ordinanza di Cannon alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’Undicesimo Circuito, sostenendo che necessita urgentemente della capacità di rivedere circa 100 documenti riservati, che costituiscono più di 700 pagine, per potenziali violazioni penali. Se una giuria di tre giudici della corte d’appello si rifiuta di revocare la pausa temporanea sulle indagini, i funzionari del DOJ hanno affermato che prenderanno in considerazione altre opzioni di ricorso, inclusa la petizione La corte suprema.

Cenni sull’indagine criminale del Dipartimento di Giustizia

Le leggi federali utilizzate per giustificare la perquisizione non richiedono la classificazione dei documenti per la commissione di un reato. In effetti, le disposizioni di legge federale contenute nell’Espionage Act, l’ostruzione e la cattiva gestione di atti e rapporti governativi menzionati nell’affidavit di ricerca non includono nemmeno le parole “classificato” o “riservato”.

Le prime due leggi – in caso di denuncia – lo farebbero comportare le sanzioni più pesanti di multe e fino a 10 e 20 anni di carcere, rispettivamente.

Nell’approvare il mandato di perquisizione, un magistrato federale ha convenuto che esisteva una probabile causa che gli agenti dell’FBI avrebbero scoperto le prove che queste tre disposizioni della legge federale erano state violate.

Ecco perché alcuni esperti legali hanno definito l’argomento del team di Trump sulla declassificazione una “derivazione”.

Questo articolo è apparso originariamente su USA TODAY: Explained: Perché il maestro speciale Mar-a-Lago vuole risposte da Trump