I repubblicani della Florida preferiscono Ron DeSantis alla presidenza rispetto a Donald Trump nel 2024, secondo i sondaggi

I repubblicani della Florida preferiscono Ron DeSantis alla presidenza rispetto a Donald Trump nel 2024, secondo i sondaggi

In questa foto del 3 novembre 2018, l’allora presidente Donald Trump sta dietro a Ron DeSantis durante una manifestazione a Pensacola, in Florida, durante la sua prima corsa al governo.Butch Dill, file/foto AP

  • I repubblicani in Florida preferirebbero DeSantis a Trump per un biglietto per la Casa Bianca del 2024.

  • Questa è un’inversione rispetto a un sondaggio simile di gennaio.

  • I risultati fanno parte di un sondaggio USA Today/Suffolk University.

I repubblicani in Florida hanno un nuovo uomo preferito della Florida che vogliono in cima al prossimo biglietto della Casa Bianca.

Secondo un sondaggio USA Today/Suffolk University pubblicato mercoledì, il governatore della Florida Ron DeSantis guida l’ex presidente Donald Trump dal 48% al 40% in un’ipotetica primaria presidenziale del 2024.

Questa è un’inversione rispetto a un sondaggio simile di gennaio, in cui Trump ha battuto DeSantis dal 47% al 40%.

“Donald Trump trascinato in una gara con un altro repubblicano è un cambiamento epocale”, ha detto in una nota David Paleologos, direttore del Centro di ricerca politica della Suffolk University.

I risultati di mercoledì sono significativi dato che durante le primarie del 2016, Trump ha sconfitto facilmente il senatore Marco Rubio in casa, atterrando dal 46% al 27%, ha detto Paleologos.

I risultati sono solo per uno stato, ma iniettano ulteriore calore in uno degli argomenti più discussi nella politica statunitense: se DeSantis parteciperà a una corsa presidenziale contro Trump, l’uomo che lo ha portato in cima alle primarie governative in Florida nel 2018 .

DeSantis non ha detto se ha nel mirino la Casa Bianca ed è candidato alla rielezione in Florida l’8 novembre. Dovrà affrontare il democratico Charlie Crist, che ha recentemente rassegnato le dimissioni dal Congresso ed è stato governatore della Florida dal 2007 al 2011, quando era repubblicano.

Quella gara sembra essere promettente per DeSantis. Il sondaggio USA Today/Suffolk University prevedeva che DeSantis avrebbe vinto la rielezione con un vantaggio di 7 punti dal 48% al 41%.

Il sondaggio ha trovato un forte vantaggio per DeSantis nonostante gli intervistati abbiano riferito di ritenere che le condizioni economiche in Florida siano peggiorate: solo il 37% degli elettori ha affermato che l’economia della Florida era “eccellente” o “buona”, in calo di 10 punti rispetto a gennaio.

La metà degli elettori ha affermato di essere “in condizioni peggiori” rispetto a quattro anni fa, anche se il sondaggio non ha valutato se gli elettori abbiano incolpato le amministrazioni DeSantis o Biden per le loro lotte economiche. Ha scoperto che DeSantis aveva un punteggio di approvazione più elevato rispetto a Biden in Florida, dal 53% al 42%.

Se DeSantis avesse un grande vantaggio contro Crist, sarebbe un’enorme svolta per il governatore del GOP. Solo quattro anni fa è entrato nella villa del governatore di appena mezzo punto percentuale contro lo sfidante democratico Andrew Gillum, l’ex sindaco di Tallahassee.

Donald Trump

L’ex presidente Donald Trump.Foto di AP/Joe Maiorana, File

Il sostegno di Trump sta diminuendo nel suo nuovo stato d’origine

Il sondaggio mostra che il sostegno di Trump potrebbe diminuire, almeno nel Sunshine State. I ricercatori hanno condotto il sondaggio al telefono dal 15 al 18 settembre, intervistando 500 elettori.

Trump chiama la Florida la sua casa permanente, anche se – come è sua abitudine – ha trascorso l’estate al suo campo da golf di Bedminster, nel New Jersey, e alla Trump Tower di New York City.

L’FBI ha fatto irruzione al Mar-a-Lago Club di Trump a Palm Beach, in Florida, ad agosto e ha scoperto documenti riservati che i funzionari del Dipartimento di giustizia hanno affermato che Trump non poteva avere. Domenica sera, Trump ha scritto sulla sua piattaforma di social media, Truth Social, di essere arrivato a Mar-a-Lago per “dare un’occhiata alla scena”.

Mentre i problemi legali di Trump lo hanno tenuto nelle notizie, DeSantis ottiene spesso anche titoli nazionali. L’ultimo è stato la scorsa settimana quando ha diretto le risorse statali per trasportare i migranti dal Texas a Martha’s Vineyard, nel Massachusetts.

La mossa sembra aver attirato l’attenzione di Trump, che ha fatto delle restrizioni all’immigrazione uno dei suoi problemi distintivi come presidente. Sabato, Trump ha condiviso un’intervista Insider su Truth Social con l’agente del GOP John Thomas, il quale ha affermato che DeSantis avrebbe rovinato la sua carriera politica se si fosse candidato contro Trump.

I frequenti titoli nazionali di DeSantis, la massiccia raccolta di fondi e i regolari scontri con l’amministrazione Biden hanno molti agenti politici che ipotizzano che si candiderà alla Casa Bianca. Tuttavia, la saggezza convenzionale è che Trump diventerebbe il candidato se dovesse organizzare un’altra campagna alla Casa Bianca, qualcosa che ha preso in giro per più di un anno.

Trump ha avuto un vantaggio tra alcuni elettori della Florida, ha rilevato il sondaggio. Ha guidato DeSantis dal 53% al 36% tra gli elettori che guadagnano meno di $ 50.000 all’anno e dal 57% al 27% tra gli elettori che non sono andati al college.

Non è chiaro che Trump possa vincere contro il presidente Joe Biden a livello nazionale, anche se il sondaggio ha rilevato che i floridiani lo preferiscono ancora all’attuale presidente.

Il sondaggio USA Today/Suffolk University ha rilevato che Trump avrebbe battuto Biden in Florida dal 47% al 44% in un ipotetico matchup. I margini sarebbero stati ancora più ampi se DeSantis dovesse affrontare Biden, dal 52% al 44%.

Leggi l’articolo originale su Business Insider