House approva il disegno di legge di riforma del conteggio elettorale per prevenire un’altra insurrezione del 6 gennaio

House approva il disegno di legge di riforma del conteggio elettorale per prevenire un'altra insurrezione del 6 gennaio

WASHINGTON — La Camera ha approvato mercoledì un disegno di legge che renderebbe più difficile per i legislatori opporsi ai risultati delle elezioni presidenziali.

Il disegno di legge è passato con un conteggio di 229 voti favorevoli a 203 contrari con nove repubblicani a sostegno.

Il disegno di legge aggiornerebbe l’obsoleto Electoral Count Act del 1887 con l’obiettivo di prevenire un’altra insurrezione come quella del 6 gennaio 2021, quando l’allora presidente Donald Trump incitò una rivolta al Campidoglio come parte del suo sforzo per annullare la sua perdita in le elezioni del 2020.

I rappresentanti Liz Cheney (R-Wyo.) e Zoe Lofgren (D-Calif.), che fanno entrambi parte del comitato della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio, hanno introdotto questa settimana il Presidential Election Reform Act. Il disegno di legge impedirebbe al vicepresidente di interferire con il risultato del collegio elettorale e aumenterebbe la soglia per i legislatori per sollevare obiezioni.

“Il presidente aveva sollevato una folla, ha detto loro che il vicepresidente poteva ribaltare le elezioni, e la maggioranza dei repubblicani in questa casa ha votato per respingere la decisione presa dagli elettori americani, come si evince dal collegio elettorale, senza alcun motivo a parte le false accuse di frode”, ha detto Lofgren mercoledì in aula.

I repubblicani hanno definito il disegno di legge un tentativo di parte di perseguitare Trump, ignorando il fatto che anche l’autore principale del disegno di legge è un repubblicano.

“Purtroppo, non c’è stato alcuno sforzo bipartisan per affrontare le preoccupazioni significative che io e tanti altri abbiamo con l’Electoral Count Act”, ha detto all’HuffPost il rappresentante Jim Banks (R-Ind.). “Questo è solo l’ennesimo colpo partigiano a Donald Trump da parte dei suoi nemici partigiani al Congresso”.

Rep. Zoe Lofgren (D-Calif.) e Rep. Rodney Davis (R-Ill.) testimoniano durante un’audizione del comitato per le regole della Camera per discutere la legge sulla riforma delle elezioni presidenziali presso il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​20 settembre 2022 a Washington, DC (Foto : Drew Angerer tramite Getty Images)

Rep. Zoe Lofgren (D-Calif.) e Rep. Rodney Davis (R-Ill.) testimoniano durante un’audizione del comitato per le regole della Camera per discutere la legge sulla riforma delle elezioni presidenziali presso il Campidoglio degli Stati Uniti il ​​20 settembre 2022 a Washington, DC (Foto : Drew Angerer tramite Getty Images)

Il voto della Camera stabilisce un’eventuale resa dei conti con il Senato, dove un gruppo bipartisan di legislatori guidato dal Sens. Susan Collins (R-Maine) e Joe Manchin (DW.Va.) ha redatto un disegno di legge simile chiamato Electoral Count Reform and Presidential Legge sul miglioramento della transizione. Sebbene i due progetti di legge siano generalmente simili, alcune differenze chiave dovranno essere riconciliate prima che il presidente Joe Biden possa firmare eventuali modifiche alla legge.

Entrambi i disegni di legge chiarirebbero che un vicepresidente non può alterare i risultati di un’elezione presidenziale e non svolge altro ruolo oltre alla supervisione del processo di conteggio. I progetti di legge rendono anche più difficile per i membri del Congresso opporsi agli elettori di uno stato. Invece di un unico legislatore per ciascuna camera, il disegno di legge della Camera richiederebbe a un terzo di ciascuna camera di sollevare un’obiezione mentre il disegno di legge del Senato richiede solo un quinto.

Non è chiaro se il Senato voterà sul disegno di legge prima delle elezioni di medio termine. Ma la legislazione ha già il sostegno di 10 repubblicani, il che significa che ha già abbastanza sostegno per scagionare il Senato.

Manchin ha detto che il Congresso avrebbe approvato il disegno di legge prima che i nuovi membri prestino giuramento a gennaio e ha suggerito che poiché il disegno di legge del Senato richiede il sostegno dei repubblicani, la Camera alla fine dovrebbe accettare alcune modifiche.

“Possono passare solo quelli unilaterali, non possiamo, quindi ci saranno alcuni aggiustamenti”, ha detto Manchin.

Questo articolo è apparso originariamente su HuffPost ed è stato aggiornato.

Imparentato…